fame cellulare

La fame cellulare.

La fame cellulare è tanto innata e naturale, quanto difficile da spiegare. Ogni cellula del corpo ha bisogno non tanto di calorie ma di micro e macronutrienti; in carenza di uno o più nutrienti il corpo ci manda segnali e li richiede, e noi dovremmo rispondere adeguatamente. Questo succede raramente, perché pensiamo 💭 (e qui mi ci metto anch’io in primis come nutrizionista 👩‍⚕️) a cosa mangiare, decidiamo con la mente 🧠 e non con il corpo 🧘‍♀️, e perchè il più delle volte non siamo capaci di leggere tali segnali. Perciò è necessario riconnetterci alla nostra saggezza interna che ci dice di cosa abbiamo bisogno.
👉 Credo che un esempio per spiegare la fame cellulare si ha quando si inizia a mangiare meglio: mangiando cibi ricchi di nutrienti, facendo una sana colazione, eliminando cibi zuccherini e industriali molti pazienti riportano di avere nuova energia, maggior lucidità mentale, minor stanchezza, maggior forza fisica. Cosa ci dicono queste nuove sensazioni corporee? Cos’è cambiato? semplicemente invece che riempire solo la pancia, si sono nutriti, e hanno quindi sfamato la fame delle cellule.

“Attraverso la mindfulness 🧘‍♀️possiamo diventare più sensibili alla fame cellulare e separare quello di cui il corpo effettivamente ha bisogno da ciò che la mente ci chiede. Se ci fermiamo e ascoltiamo attentamente, e lo facciamo spesso, forse riusciremo a fare quello che fanno gli animali, ovvero saggiare il cibo e sapere se è quello di cui hanno bisogno” J. Chozen Bays.